Attraverso la tempesta

Il nuovo progetto di psicoeducazione ideato da CiaoLapo per i genitori colpiti da lutto perinatale

A Lecco e a Prato un nuovo progetto firmato CiaoLapo per il sostegno psicologico al lutto perinatale

Dopo dieci anni di lavoro e approfondimento nel campo dell'automutuoaiuto  e della psicologia perinatale l'associazione propone un percorso di sostegno psicologico che si ispira alle tecniche cognitivo-comportamentali e alla psicoeducazione. 

Il progetto pilota, ideato da Micaela Darsena insieme a Claudia Ravaldi, Letizia Giorgini e Cecilia Ginanni partirà a Lecco e a Prato. 

Perchè un gruppo di psicoeducazione per il lutto perinatale?

"La perdita perinatale, a prescindere dalle cause o dall’epoca gestazionale in cui avviene, porta con sè molta sofferenza per i genitori e spesso per tutti i familiari. Rappresenta un evento di crisi con le caratteristiche di un vero e proprio trauma psicologico con ricadute a breve e a lungo termine se non adeguatamente elaborato. La morte di un bambino durante la gravidanza interrompe in modo violento e inaspettato il processo di genitorialità e il legame di attaccamento che si era instaurato, che è  sia di tipo psichico sia di tipo fisico e corporeo. I genitori che si preparavano ad accogliere il proprio bambino si ritrovano ora a braccia vuote, proiettati in una dimensione prima d’ora inimmaginabile.

Spesso le persone intorno faticano a comprendere questo lutto. Oltre al dolore per la morte di un figlio i genitori sperimentano, quindi, anche un forte senso di incomprensione e di solitudine. E’ fondamentale, per poter elaborare la perdita veder riconosciuto questo dolore; un dolore che bisogna poter attraversare ma che deve prima essere accolto ed ascoltato.

Come si elabora il lutto?

L’elaborazione del lutto può essere definita come la messa in atto di una serie di processi psicologici che tendono a regolare le emozioni e i meccanismi di apprendimento riguardo l’evento e che richiede una profonda revisione del modello mentale esistente. Essa richiede, inoltre, il ricorso a strategie di problem solving al fine di accettare la perdita e portare all’adattamento del soggetto ad un mondo nel quale mancherà per sempre il bambino ma nel quale è  possibile recuperare un buon funzionamento globale personale.

Perchè ciò avvenga occorrono tempo e risorse e la persona che cerca di elaborare il proprio lutto dovrebbe essere sostenuta ma al tempo stesso lasciata libera di affrontare questo percorso come meglio crede, con i propri tempi e i propri spazi.

Per poter elaborare questo lutto è necessario, inoltre, conoscerne le caratteristiche, le emozioni che porta con sé, le fasi peculiari; è di fondamentale importanza potersi confrontare e raccontare in un gruppo di persone che condividono un’esperienza analoga e poterlo fare in un clima di ascolto e non giudizio."

Il progetto "Attraverso la tempesta"

A seguito di tutte queste considerazioni abbiamo pensato ad un percorso psico-educativo e di sostegno che possa fornire informazioni e approfondimenti sulle caratteristiche del lutto perinatale, sulle fasi dell’elaborazione, dove sia possibile parlare delle tematiche che frequentemente emergono dopo la morte di un figlio (rabbia, senso di colpa, fasi dell’elaborazione ecc.) potendosi confrontare con operatori formati sul lutto perinatale e con altri genitori che stanno affrontando lo stesso percorso di elaborazione in uno spazio-tempo ad hoc, di ascolto e di non giudizio in cui i genitori possano sentire legittimati i propri sentimenti e si possano sentire liberi di raccontare la propria storia."

Attraverso la tempesta

8 incontri a cadenza quindicinale

Ogni incontro si compone di una parte informativa tematica e di una parte di confronto e scambio facilitato tra i genitori.

Si accede  al gruppo a seguito di un colloquio conoscitivo con le referenti del progetto (Micaela Darsena e Tanja Girgenti per Lecco, Letizia Giorgini e Cecilia Ginanni per Prato)

Il gruppo sarà attivato con un minimo di 3 partecipanti e il numero massimo di partecipanti per ogni edizione è di 12.

E' possibile accedere in coppia o singolarmente.

A Lecco gli incontri si terranno a partire dal mese di Settembre il lunedì sera presso Il Centro Per Le Famiglie – Dire Fare Giocare , in Via Frà Galdino,5

A Prato gli incontri si terranno a partire da Ottobre presso la sede di CiaoLapo Onlus, via degli Abatoni 11/11, Prato. 

Per maggiori informazioni Lecco: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Micaela S. Darsena, psicologa psicoterapeuta, collaboratrice e volontaria dell’associazione CiaoLapo Onlus. Per l’associazione si occupa di sostegno psicologico ai genitori in lutto e di sostegno psicologico nelle gravidanze successive, di Facilitare Gruppi di AutoMutuoAiuto per genitori in lutto e di formazione ad operatori sanitari rispetto al lutto perinatale e al sostegno ai genitori.

Tanja Girgenti, educatrice e volontaria dell’associazione CiaoLapo Onlus. Per l’associazione si occupa di iniziative di sensibilizzazione e promozione della consapevolezza sul lutto perinatale, per cittadini e operatori sanitari, nel territorio del lecchese.

Per maggiori informazioni Prato: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Login to post comments

CiaoLapo Onlus

Social media