La Vergogna - Seminario Formativo
Mag 07

La Vergogna - Seminario Formativo

Prosegue il ciclo di seminari dedicati ai costrutti cognitivi che influenzano il nostro...

 

Prosegue il ciclo di seminari dedicati ai costrutti cognitivi che influenzano il nostro...

Mappa in caricamento...
124 N Park Ave, Winter Park, FL 32789, USA
  • Il dizionario definisce la vergogna come

    • 1 Sentimento di colpa o di umiliante mortificazione che si prova per un atto o un comportamento, propri o altrui, sentiti come disonesti, sconvenienti, indecenti: il padre provava v. per le malefatte del figlioestens. senso di disagio che si prova nei riguardi di qlcu. o qlco. che si teme possa sminuire la considerazione degli altri: aveva v. dei genitori analfabeti

    • 2 Senso di impaccio, di timore dovuto a timidezza o ritrosia: avere v. a esibirsi in pubblico; anche, pudore: non hai v. di andare in giro mezza nuda?

    • 3 fam. Disonore, infamia: meglio la morte che la v. del tradimento; persona che è causa di disonore: quel figlio è la v. della famiglia; fatto o situazione disonorevole o che suscita indignazione: non è una v. vivere di elemosine || che vergogna!, vergogna!, escl. usate per esprimere biasimo, riprovazione, indignazione

    Sappiamo che la vergogna è un'emozione complessa, spesso associata a emozioni negative o sgradevoli, ed è direttamente legata all'immagine che abbiamo di noi stessi, alla percezione del sè. L'esperienza clinica ci dice che la vergogna è un costrutto presente in numerosi disturbi psichici, e normalmente presente a seguito di un evento di vita. Dopo un lutto la vergogna è uno dei classici costrutti che emergono nel dolente, e spesso la sua portata è di tale intensità da causare un congelamento del lutto o lo sviluppo di un vero e proprio lutto complicato. Anche gli operatori provano vergogna, più frequentemente di quanto si pensi. Nel caso degli operatori spesso la vergogna è associata al ruolo professionale, e spesso prescinde dalla loro capacità o dall'effettiva presenza di responsabilità professionali.

    Tuttavia, la vergogna, che come tutti i costrutti ha radici molto profonde in noi, può di fatto condizionare il nostro comportamento e la nostra relazione con il prossimo. Quando da questa relazione, come nel caso della relazione di cura, dipende una parte del benessere del nostro curato e di noi stessi come professionisti, è evidente che riconoscere la vergogna e imparare a modularne gli effetti diventa di fondamentale importanza.

    Lo faremo insieme a Cristina Fiore, in una seminario teorico pratico.


  • Categoria
    Formazione
  • Orario
    07 Mag 2016 at 09:00 - 07 Mag 2016 at 13:00
  • Luogo
    Prato
  • Amministratori Evento
    claudia