Un ricordo delicato

  • Posts 97
  • Ringraziamenti ricevuti 218

silvia76 ha risposto alla discussione Re: Un ricordo delicato

Ci provo.
Ho pensato piu' volte di scrivere la mia storia su questo argomento ma non ce l'ho mai fatta...fin'ora.
La morte di Jacopo si è annunciata.
Nelle ultime settimane che precedevano la sua nascita ho avuto tantissimi segnali negativi e quando siamo arrivati alla fine l'ho capito subito. Troppi carri funebri incrociati per la strada, quella commovente intervista tv a Nicoletta Mantovani (il cui figlo morì proprio il 13/01) e poi tante cose lette, tante coincidenze strane.
Il 12/01/2010 ho fatto l'ultimo perfetto monitoraggio, torno a casa con un appuntamento per parto programmato per il 14/01 visto che Jacopo non ne voleva sapere di nascere ed ero già a 41w+1.
Mio marito e Tommaso sono influenzati, quindo per evitare di contagiarmi,visto l'imminente parto,si trasferiscono dalla suocera e io resto a casa con mia mamma.
Mi sento strana, la casa mi sembra vuota senza i miei uomini e ho una sensazione di tristezza anzichè di felicità.
La mattina mi alzo e mi rendo conto di non essermi mai alzata per fare pipì e anche questo è molto strano...la mattina scorre e mi ritrovo seduta sul tavolo della cucina a piangere perchè qualcosa non va....mia madre mi chiede se voglio andare in ospedale ma io voglio aspettare "starà dormendo, tra un attimo si farà sentire". Usciamo per andare in farmacia a comprare l' antibiotico per Tommy, torniamo a casa, mi stendo sul letto, mani sulla pancia, e inizio a studiarlo..lo sento...è lì...una piccola montagnetta...sarà il sederino? Lo accarezzo, lo tocco, spingo un po' e poi ancora piu' forte...nulla, nessuna rezione.
"Mamma andiamo in ospedale"
Ho scritto il nome di mio figlio con un pennarello sulla busta che conteneva la sua tutina per la nascita...l'ho scritto piangendo.
Lo sapevo, ero certa, purtroppo.
Il resto della storia è un incubo.
La diagnosi che mi viene data mentre son sola dato che non fanno entrare mia mamma insieme a me, la telefonata a mio marito che era a casa malato e non immaginava nulla...lo strazio...il doverlo mettere al mondo senza vita la mattina di quello stesso giorno in cui era stato programmato di farlo nascere.
Ci siamo sfiorati......
#110671
Ringraziano per il messaggio: claudia, GIORGIA, claragaudino

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 52
  • Ringraziamenti ricevuti 50

SALVALIDIA ha risposto alla discussione Re: Un ricordo delicato

forse è vero che le mamme sentono quando qualcosa nn va....
io sin dall'inizio ho avuto perplessità,paura che qualcosa nn andasse bene, però pensavo facessero parte delle normali paure della gravidanza.ogni visita chiedevo se si vedeva il battito.....ho comprato delle cose,ho preparato tutto ma in cuor mio mi sentivo angosciata.
la sera di venerdì 16 settembre ho sentito muovere il mio bimbo cm faceva sempre,(era proprio un monello :) nonostante fosse bello grande!!!)anche dopo una forte contrazione.la mattina del 17 mi sn svegliata un pò turbata e pensierosa,anche per un sogno(che poi si è rivelato veritiero)che avevo fatto durante la notte e del quale nn avevo parlato cn nessuno,immaginavo che tutta questa ansia fosse dovuta all'imminente parto.la prima cosa che ho fatto è stato mettere la mano sulla pancia cm x rassicurarmi che andasse tutto bene,ma il fatto di nn sentirlo muovere tanto al mattino era x me normale.cmq x nn pensarci troppo sn uscita cn mamma sorella e nipotina,sn tornata a casa e mi sn messa a pulire tutta casa,persino gli infissi!!!volevo lasciare tutto in ordine e pulito e in più sapevo che il movimento poteva innescare le tanto attese contrazioni.dopo pranzo mi sn resa conto che nn lo avevo sentito muovere al solito orario,così mi sn subito sdraiata sul divano,dopo un pò sn andata sul letto,sempre più angosciata e mi sn sdraiata sul lato destro(questo lato nn gli piaceva e si muoveva subito fino a quando nn cambiavo posizione),ma niente, mio marito cercava di tranquillizzarmi,ma io nn ero tranquilla avevo PAURA. lo toccavo lo muovevo ma notavo che nn era il solito movimento.....la pancia si muoveva tutta insieme....!!!decidiamo di andare in ospedale pensavamo per tranquillizzarci o magari per sentirci dire che ero pronta e invece.............SIAMO CADUTI NELL'ABBISSO!!!tutte le ansie,le preoccupazioni si erano rivelate essere vere.....
sn bastate 2 parole "CHE PECCATO" dette gelidamente X mandare in frantumi tutti i nostri sogni,il nostro cuore.....
#112493
Ringraziano per il messaggio: GIORGIA

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • claragaudino
  • Avatar di claragaudino
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Sei nell'anima e lì ti lascio per sempre...
  • Posts 499
  • Ringraziamenti ricevuti 519

claragaudino ha risposto alla discussione Re: Un ricordo delicato

...Sì,credo che una mamma se lo sente che qualcosa non va...
Io ho effettuato un tracciato alla 38w+4,perfetto...Lì ho incontrato un'altra mamma,la stessa che avrei ritrovato nella mia stessa camera e che avrebbe avuto il mio stesso destino...
Inoltre,qualche giorno prima del parto,la figlia di un'amica mi aveva detto di aver fatto un sogno:In questo i miei figli erano intorno alla culla e,mentre loro vedevano il volto della sorella,lei non riusciva a vederlo...In effetti è andata proprio così:I miei figli hanno visto la sorella e la figlia della mia amica no,perchè preferimmo vivere il nostro dolore in intimità.
Inoltre,la notte in cui mi accorsi che Benedetta non si muoveva,feci tutto con una calma assurda,come se fossi stata un 'automa e quando ci ripenso,mi sembra proprio di non essere stata io,come se "un'altra me"facesse tutto al mio posto...

Sì,credo proprio che le mamme sentono quando le cose non va...
#112523
Ringraziano per il messaggio: GIORGIA, Betty81

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 828
  • Ringraziamenti ricevuti 1148

Cinzia65 ha risposto alla discussione Re: Un ricordo delicato

Mah leggendo tutte le vostre storie io veramente... ci provo

Virginia era una bambina sana, una gravidanza normale, controlli nella norma e arrivata a termine alla 40a settimana, si muoveva e si è mossa sino all'ultimo e il 19 febbraio 2009 la data presunta ho rotto le acque sono arrivata in sala parto ma Virginia è morta mettendola al mondo con parto naturale

non ho avuto presagio di nulla solamente la mattina quando mi sono alzata ho guardato la sua culla pronta e ho pensato ecco sono felice dopo tanto tempo

Virginia è il mio regalo

penso solo che forse il medico doveva progetterla di più... dove in italia si dice che si fanno troppi cesarei questo è stato mancato, forse l'avrebbero salvata

ma questa sarebbe stata un'altra storia
a me non rimane che la mia Virignia angelo in cielo

Cinzia
#112811

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 261
  • Ringraziamenti ricevuti 76

lory76 ha risposto alla discussione Re: Un ricordo delicato

anch'io Cinzia penso che la mia Asia è un cesareo "mancato" o che avrebbero dovuto prestare un po' + di attenzione...
quello che stai dicendo è più o meno la stessa cosa che potrei dire io...
un bacio a virginia e a tutti gli altri bimbi...

Questa immagine è nascosta per gli ospiti.
Effettua il login o registrati per vederlo.



Lory con Maela e la nostra grande stellina in cielo Asia.....
#112815
Ringraziano per il messaggio: Cinzia65

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 284
  • Ringraziamenti ricevuti 110

leo ha risposto alla discussione Re: Un ricordo delicato

ciao claudia e mamme io vorrei parlare di cio ma non riesco proprio ..scusate non e un bel momento ... ciao care ...mamy chry ...
#112818

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 41
  • Ringraziamenti ricevuti 23

elanor ha risposto alla discussione Re: Un ricordo delicato

Io ho scoperto di aver perso i miei bimbi il 10 nov 2011 alla 15ma sett avevo fatto l'ultima ecografia (traslucenza) il 31 ott dopo questa data ci sono stati due momenti in cui penso che loro sono volati in cielo. In questi momenti tutto ad un tratto mi sono sentita male ho accusato un forte dolore al seno poi è passato al petto e allo stomaco non riuscivo a respirare e vedevo nero. Avevo pensato che questi miei malesseri fossero dovuti alla forte gastrite che stavo avendo.
#113590

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 35
  • Ringraziamenti ricevuti 32

Michela4febr ha risposto alla discussione Re: Un ricordo delicato

A me è andata così....
La notte tra l'1 e il 2 di febbraio 2012 ho fatto un sogno strano...
Ero a letto e avevo appena partorito, vicino a me c'era mio marito e gli ho chiesto "chi taglia il cordone adesso?!" In braccio avevo la mia Ilaria, bella, pulita, bianca, con gli occhi chiusi..sembrava dormisse e soprattutto non era normale che fosse così subito dopo il parto. In fondo al letto c'erano due donne vestite di bianco e ho affidato a loro la bambina per poi non vederla più.
Verso le tre del mattino mi sono svegliata e avevo dei dolori alla pancia, ma non i soliti (avevo dolori simili dal 27 dicembre, ma ai controlli andava sempre tutto bene), erano acuti e profondi. Sono durati mezz'ora e poi mi sono addormantata di nuovo.
Il giorno dopo non sentivo muovere Ilaria come faceva sempre, ma non le ho dato peso e forse il mio cuore aveva già capito... Per tutto il giorno mi hanno chiesto se volevo andare in ospedale, ma la pancia ogni tanto si gonfiava a destra e poi sinistra e quindi prendevo tempo... La sera sono addirittura riuscita a contare tre movimenti ( sempre la pancia che si gonfiava) e quindi tranquillizzando mio marito siamo andati a letto, ma avevo preparato la valigia accanto alla porta (ero di 41 settimane il giorno dopo).
Ho passato tutta la notte pensando perchè non si muove? Perchè non sento dolore? Cosa faccio adesso? Come faccio a chiedere a mio marito di andare in ospedale che deve andare al lavoro? Ero completamente fuori di testa!! Pensavo al lavoro di mio marito invece che alla mia bimba!
Forse però sapevo già che le ore non avrebbero cambiato nulla....
Di nuovo alle tre del mattino ho iniziato a piangere e a saltar fuori dal letto per decidere il da farsi....
Alle 4 ho finalmente chiamato mio marito e gli ho detto "portami all'ospedale perchè c'è qualcosa che non va"
Quando mi hanno appoggiato l'ecografo sulla pancia in un istante ho detto " NON C'é BATTITO!! LA MIA ILARIA NON C'è PIù!!"
Mio marito ha cercato di tranquillizzarmi, perchè in effetti il medico non aveva ancora detto nulla, ma io già lo sapevo e poi è stato confermato un istante dopo...
Non dimenticherò mai quel sogno!
La mia bambina è venuta a salutarmi prima di volar via e io la porterò per sempre con me così, come l'ho vista in sogno perchè è così che lei mi ha detto "Addio"
#114244

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 140
  • Ringraziamenti ricevuti 84

memole ha risposto alla discussione Un ricordo delicato

Quando ho letto questo topic ho pensato che non potevo non scrivere,perché ho sempre pensato che una mamma sente prima di tutti che qualcosa non va!!Il mio primo aborto a 12 settimane:sentivo che qualcosa non andava,inizialmente nessun sintomo ma sensazioni.. Tante...!!l'ho perso il giorno dopo aver avuto un lieve tamponamento con la macchina.. Rottura delle acque emorragia,me. Lo sentivo che sarebbe finita così!!seconda perdita a 21 settimane, gino a quel momento ero incredula che potesse andare bene, avevo Angel sound e ogni giorno più volte al giorno ascoltavo il suo cuore convinta che non l'avrei sentito,una delle ultime notti ho sentito bozzo sulla pancia mi e' sembrato di toccare il mio amore, e ho sentito i suoi battiti nella mia mano!!ma qualche giorno dopo la morfologica...e la sua morte!!ho sempre pensato che sentivo sarebbe andata male e che mio cucciolo di sia fatto toccare da vivo... Perché non l'avrei mai più fatto.. E quando e' nato aveva gli occhi aperti...!!mentre mio marito aveva sognato mesi prima che avrei perso il bambino !!per questo credo che noi mamme abbiamo un legame speciale con i nostri piccoli e sensazioni uniche... Sarà per questo che anche con il passare del tempo viviamo la perdita in maniera diversa rispetto ai papà!!

[Url = http: //lilypie.com] [img] http://lagf.lilypie.com/UYENp2.png [/ img] [/ url] [[img]http://lagf.lilypie.com/uJVRp2.png[/url]
#147298
Ringraziano per il messaggio: MAVE

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 57
  • Ringraziamenti ricevuti 23

ChiaraDe ha risposto alla discussione Un ricordo delicato

Grazie Claudia per questa riflessione....
Io sono sempre stata impaurita nelle gravidanze poiché la prima assoluta è stata gravidanza chimica nella successiva una piccola perdita di sangue mi ha fatto disperare ma in Realtà ho partorito Antonio a 39 settimana e tutto è andato bene.
Nella seconda x me tutto era più veloce....della prima mangiavo bene camminavo e usavo prodotti senza sostanze nocive! Non mettevo neanche lo smalto!
Nella seconda mangiavo male. ...ho avuto una forte gastroenterite con 2 punture di plasil. Camminavo poco e spesso mangiato il salame. .....ma tutto era perfetto. Visite ok .
Ho avuto 3 volte perdite di sangue leggere e non ho fatto controlli xche avevo Antonio di 2 anni non c'era tempo e poi in realtà si fermavano e il dottore al telefono diceva se si fermano stai tranquilla.
Xo' avevo doloretti spesso e sentivo la necessità di riposarmi.ma non lo facevo.
Una volta in bagno x la testa mi è passato un pensiero. Che la gravidanZa non sarebbe andata Bene e io sarei rientrata al lavoro.....
Così è stato. ....
E poi la sera prima c'era il battesimo della mia nipotina, ho tenuto a bada in chiesa mio figlio e un'altra nipote prendendoli in braccio. ..sentivo stanchezza e dolori.
In macchina al ritorno ho detto a mio marito ma sono normali questi dolori? Ma nessuno di noi si è preoccupato. ....ci abbiamo dormito su e il giorno dopo di è rotto il sacco ed è iniziato l'incubo.
Io sono stata superficiale lo so.
Ma non so cosa avrei potuto evitare......tutti al secondo figlio fanno sforzi avendo già un figlio.
La sensazione che non dimenticherò mai è quando Giorgio è uscito dalla mia pancia col cesareo d'urgenza. L'ho sentito uscire come un soffio delicato. In Quel momento ci i siamo separati x sempre fisicamente ma ci siamo uniti nel corpo e nell'anima x tutta la vita.
#147719

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 767
  • Ringraziamenti ricevuti 1205

Kevin ha risposto alla discussione Un ricordo delicato

Grazie per gli importanti e costruttivi spunti di riflessione, preziosi per me, in quanto mi danno la possibilità di guardarmi dentro, permettendomi di collocare al posto giusto, i momenti con Kevin e senza Kevin. Il 21 novembre 2014, è venerdì e sono a 37 settimane più 2. Yuri va a lavoro ed io mi preparo per il controllo dalla ginecologa. Visita superata a pieni voti, però il valore 140/90 della p.a mi mette una strana e forte angoscia, anche se la dottoressa mi spiega che magari è un episodio isolato dal momento che durante l'intera gestazione, i valori hanno sempre oscillato tra 110/70 e 120/80. Mi prega di monitorare a casa la pressione che nel frattempo si normalizza e mi saluta. Dovrei andare a pranzare fuori con Yuri,ma la pioggia mi fa desistere. Il pomeriggio, sebbene il piccino scalci sereno nel pancione e nonostante la p.a fosse perfetta, un velo di tristezza di tanto in tanto, viene ad offuscare la mia tranquillità. Il sabato trascorre in piena serenità. Kevin è vispo con i suoi deliziosi movimenti, vado in piscina, stiro, per pranzo la pizza che a noi piace molto è un pomeriggio di relax con un film leggero e tante coccole per il nostro bimbo che si diverte a singhiozzare e puntare i piedini sotto la mia costola destra.sono piena e decido di saltare la cena. Mi addormento sul divano e mi sveglio per il suono di un sms. La mia parrucchiera vuole l'indirizzo del negozio in cui abbiamo fatto la lista per acquistare un regalo per Kevin. Mentre rispondo, avverto nuovamente quel l'angoscia e sento chiaramente il bimbo dare un calcio che per la prima volta, mi riempie il cuore di malinconia. Ricordo di aver pensato intensamente quanto mi sarebbe mancato il pancione e quel pensiero è stato l'ultimo con la preziosissima vita di Kevin dentro me. Domenica 23 novembre, invece, per tutta la mattina cerco disperatamente un segno di benessere del piccolino, però avverto solo un pancino troppo muto e pesante, un bimbo troppo silenzioso e calmo rispetto al solito, una mamma è un babbo che non riuscivano più a comunicare con il proprio figlio. Chi avrebbe mai immaginato che quello era il linguaggio spietato è crudele della morte. Rosy

Rosy e Yuri con Kevin, bimbo grazioso, indelebile in ogni respiro.
#149914
Ringraziano per il messaggio: Frascarelli Tania, Butterflyandflowers, smaiorano

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 203
  • Ringraziamenti ricevuti 44

amanda ha risposto alla discussione Un ricordo delicato

Salve, stasera ci provo anch'io a raccontare la mia ultima notte con Federico...
Alla soglia del nono anniversario torniamo a quella sera!
Era l'8 luglio 2006, faceva caldo e il mio piccolino si faceva setire nella pancia ormai enorme, verso l'ora di cena ecco delle contrazioni, non le avevo mai sentite fino ad allora, la pancia che s'induriva e il respiro che mi si fermava, pensai ci siamo! ero di 40+3.
Prima di andare a letto misi le ultime cose nella valòigia sicura di partire per l'ospedale in nottata...e invece la notte scorse tranquilla...
Alla mattina mi alzai tranquilla e rilassata, colazione come al solito, ma c'è qualcosa che non va! Niente "calcio" di buongiorno, Federico che fa stamani dorme? Pensai! Però sentivo che c'era qualcosa di strano ero agitata, inizia a mangiare cose dolci per stimolarlo ma niante, allora mi stesi sul letto e iniziai a dagli noia pigiando la pancia....ma niente...poi ogni tanto vedevo dei lievi rigonfiamenti era la pancia che s'induriva e a voce alta dicevo "allora ci sei!" ma dentro di me sentivo che mi stavo solo convincendo di una cosa che non era vera, quei movimenti non erano come sempre, non erano movimenti, ma volve allontanarmi dalla verità! Così facendo sia fa l'ora di pranzo, ma nemmeno così Federico si sveglia, nemmeno mangiando delle patate buttate già col nodo in gola...
Così mi decido e chiamo mio marito a lavoro, lui non può rispondere, allora lascio detto che stò andando in ospedale perchè c' è qualcosa che non va, che mi richiami appena possibile...
Così salgo in macchina agitata come non mai, con la certezza che ormai "era troppo tardi", dal parcheggio dell'ospedale a dentro il reparto corro, corro a più non posso, un passo dietro l'altro, rischiando di cadere sbilanciata da quel pancione...e intanto ci parlo, parlo con il mio amore che forse ormai non mi sentiva più...."amore resisti stiamo arrivando a farsi vedere, la mamma corre, te aspetta, resisti!"
Arrivata nel reparto, dico che non lo sento muovere dalla mattina e mi portano a fare il tracciato, su quella poltrona dove mi ero seduta solo 3 giorni prima per il controllo della 40ma sett, ma questa volta l'otetrica mi passa la sonda ovunque ma niente...muto...lei cerca di sdrammatizzare "questo monello non si fa trovare", ma io dentro di me mi dico "cerca pure ma non lo troverai...l'altro giorno era lì, proprio lì che si sentiva il cuore, ma oggi non c'è..." ero consapevole ma non ci volevo credere, così via si fa l'ecografia...ma dopo aver messo la sonda sulla pancia sento le ultime parole della dottoressa..."da quant'è che non lo sente muovere?" Un brivido mi passa lungo la schiena e con un filo di voce tremolante e il nodo i gola rispondo"da stamani!" E da lì la sentenza..."mi dispiace non c'è più battito!" Inizio a urlare, volgio il cesario, tagliatemi anche da sveglia non m'interessa, tiro per ilò camice una dottoressa che passava nel corridoio e mi faccio rifare l'ecografia...ma stessa sentenza! Cercano di calmarmi ma niente, intanto mi chiama mio marito che era stato avvisato a lavoro...gli urlo al telefono "è morto!" Lui non so nemmeno cosa mi ha detto, tanto che ormai non capivo più nulla, ero sola e impazzivo! Finalmente non so nemmeno come dopo un pò riesco a calmarmi, ormai rassegnata... Dalle scale vedo salire mio marito che appena mi vede si mette a piangere, sperava di trovarmi in sala operatoria per l'ultima speranza, ma vedendomi lì in piedi spaesata capisce che ormai è finita!!! Da lì in poi l'iter è quello di molti, l'induzione, tra dolori e parenti deficienti che faccio buttare fuori dalla stanza... Poi la notte alle 5:18 nasce Federico, per me è nato e sempre lo sarà, lo vedo ma non riesco a toccarlo, mi svengo in sala parto e mi ritrovo in camera, distrutta devastata, vuota e senza nessuno... Da lì una serie di pensieri "cretini" arrivo a chiedermi se sulla porta di casa adesso dovrò mettere un fiocco si...ma NERO... Poi mi chiedo se in questi casi vanno fatti i necrologi, il funerale, ma per chì non lo conosce nessuno! Arrivo anche a dire a mio padre di non fare i necrologi, che non lì voglio, a pemnsarci adesso ero completamante impazzita!
Il giorno passa e la sera pure, mentre tutta l'Itali festeggia la vittoria ai mondiali del 2006 io piango...
La mattina seguente mi faccio dimettere contro il parere dei medici che mi volevano trattenere per trasfusioni e accertamenti, ma io me ne frego...tanto cosa mi può succedere di peggio? Il ritorno a casa non me lo ricordo devo aver rimosso... I giorni a seguire li devo aver passati nel vuoto e nel silenzio più totale, mi chiudo in casa, l'unica uscita sarà il 13 luglio per andare ad aspettare federco al cimitero...

Ecco, dopo 9 anni mi ricordo tutto, lo stomaco si chiude ancora, gli occhi si riempioni di lacrime...oggi ho già comprato una bella piantina da portargli giovedì...che bel regalo eh! La vita scorre nella sua normalità in questi giorni, nessuno percepisce le mie sensazioni, i miei pensieri, il mio ricordo di lui, di quei giorni, così nitido e costante....
#151178
Ringraziano per il messaggio: Kevin, Frascarelli Tania, Ester., Butterflyandflowers, smaiorano

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 46
  • Ringraziamenti ricevuti 39

ally87 ha risposto alla discussione Un ricordo delicato

Che dolore leggendo anche le vostre storie... un dolore allo stomaco, al cuore che si fa sempre più forte! Ricordo perfettamente tutto di quel giorno... Era il 10 giugno 2015... la sveglia suona e io come tutte le mattine sveglio mio marito per dirgli che era ora di andare al lavoro... ero di 39 settimane... due giorni dopo avrei avuto il controllo... io e mio marito di baciamo, ci coccoliamo e ci salutiamo come sempre... la piccola si sveglia era pronta per andare al mare con l'asilo, quando la pancia mi si indurisce e io con voce leggera le dico "guarda la panciona della mamma... è dura come un sasso... ormai ci siamo" lei me la accarezza... proprio da brava sorella maggiore! Tra me e me ho pensato "che stress un'altra giornata come sempre... quando cavolo nasce" non vedevo l'ora di conoscerlo/a. (CHE STUPIDA!!!!!) Stiamo su dal letto e andiamo a svegliare l'ometto di casa che doveva prepararsi per il camp di calcio! Avevamo scommesso sulla data del parto e il mio ometto di casa aveva proprio scelto il 10... lungo la strada scherzavo con lui e gli dicevo "oggi è il dieci topino, se non nasce prima della mezzanotte hai perso..." ridevamo e scherzavamo... tutto sembrava andare come sempre... Torno a casa, faccio dei gran lavori... pulisco la sala... sistemo i panni... e continuo a pensare ke forse a forza di muovermi avrei fatto arrivare quelle benedette contrazioni..
Arriva mezzogiorno ed è pronto da mangiare e io sento freddo... ho i brividi... e sembra strano perchè è caldo, tutti hanno caldo... mentre invece io sto con la maglietta lunga! Allora penso... "Va a finire che ci siamo veramente".
Nel primo pomeriggio mi rilasso sul divano davanti alla televisione... fino a che non mi addormento! Sento suonare è il telefono sono le 16:00... è mio fratello che mi dice se lo accompagno a fare spesa... contrazione e poi... "eppure non l'ho sentito scalciare!!!!" cosi all'improvviso questa cosa mi arriva alla mente! Comincio a chiamarlo/a... a spingermi la pancia e sento il suo sederino molleggiare... ma niente calcio... nessun movimento, niente di niente! Allora prendo zucchero, cioccolata... e riprovo... ma nulla... silenzio totale!!!! Il mio cuore va a 3000... mi stendo a pancia in su... poi subito sul fianco... poi ancora a pancia in su... ma niente! Penso "perchè non calcia... perchè???" Penso ke magari sono troppo ansiosa... non avevo nulla... nessun dolore... niente di niente... cosi decido di fare spesa insieme a mio fratello... ma la mia mente non fa altro che pensare... penso che c'e qualcosa ke nn va... ma nn so perchè non voglio crederci... così appena tornata a casa vado a prendere la piccola alla fermata del bus... cerco di non pensare... parlo con lei... chiedo com'è andato il mare... ma niente... torno a casa e decido... chiamo mio marito... per dirgli che voglio andare all'ospedale ke nn lo sento più muovere!
Torna a casa e con la mano sulla pancia, tranquillo mi dice... "stai tranquilla... durante il giorno nn si è mai fatto sentire lui/lei si scatena solo di sera" ma io non sono tranquilla... mi viene da piangere ma cerco di trattenere per nn farmi vedere dalla piccola... arriva mia mamma col mio ometto di casa... scoppio le lacrime... dico a mia mamma ke vado all'ospedale xke sono preoccupata xke non lo sento... lei dice di stare tranquilla... che non sarà nulla... dice di prendere la valigia... ma io e mio marito diciamo di no... speravamo entrambi di tornare a casa...
Arrivo in ospedale... mi attaccano al monitoraggio... e chiedo... "si sente il cuore???" e sento dirmi... "si non lo senti... tranquilla..." ma continuo cmq ad essere agitata... sento un battito ma continuo a vedere che mi spostano tutto prima da un lato poi dall'altro della pancia... chiedono di chiamare la dottoressa... mi portano a fare l'ecografia... guardo mio marito... guardo la dottoressa... e poi sento solo "mi spiace... la gravidanza si è interrotta!" non posso crederci!!!! Abbraccio mio marito e comincio a chiedere scusa... scusa... scusa... mio marito chiede perchè? com'è successo??? ma ci rispondono solo che purtroppo può succedere... comincio a fare mille domande assurde... "può essere perchè mi sono mossa troppo, ho fatto troppi lavori???" "E' perchè ho mangiato piccante???" stavo cercando di trovare un senso un perchè... chiamo mia mamma... gli dico che il piccolo è morto ke nn c'è più... poi ricovero e per mia scelta... cesareo!
Continuo a darmi colpe per nn esseremi resa conto prima... continuo a pensare ke quella mattina quando avevo freddo... probabilmente era il piccolo ke mi stava dicendo ke qualcosa nn andava... continuo a pensare ke se forse nn avrei aspettato l'arrivo di mio marito... ma che se fossi corsa in ospedale subito alle 4... forse ora lui sarebbe qui con me"
Dopo il cesareo chiedo cos'era... mi rispondono "un maschietto... di 3550kg" comincio a piangere... e da lì ecco realizzarsi il mio più grande incubo!
#151381
Ringraziano per il messaggio: Butterflyandflowers, smaiorano

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 12
  • Ringraziamenti ricevuti 19

betty ha risposto alla discussione Un ricordo delicato

Ciao Mamme Speciali,
come state? Io abbastanza bene. Pochi giorni fa abbiamo ricordato il compleanno di Leonardo, il mio piccolo in cielo. Sono già passati 4 anni ma se chiudo gli occhi le immagini di quella drammatica giornata sono nitide come se tutto fosse successo qualche giorno fa. Penso che questa chiarezza nei colori dei ricordi rimarrà sempre a testimoniare la profondità dell’amore che si prova per un figlio. Volevo condividere con voi la tenerezza provata con Matteo che voleva portare una torta sulla lapide e che il giorno del compleanno ha cantato tanti auguri al suo fratellino sedendosi sulla tomba. Non so che spiegazioni dia Matteo alla presenza di un fratellino al cimitero, penso che non sia ancora in grado di capire quello che è successo. Penso semplicemente che accetti il fatto di passare a salutarlo, di non vederlo, di mandargli un bacio grande quando chiude gli occhi per fare la nanna e di sentire il nome di Leonardo nella messa in suffragio. A volte Matteo mi chiede se gioca, se mangia, se fa la pipì e io con un sorriso rispondo che è con gli angeli. Dalla sua ingenuità traspare tanta tenerezza che mi aiuta ad accettare un bimbo in cielo. Spero che anche voi possiate superare il dolore e la tristezza che la morte porta inevitabilmente con sè.
Un forte abbraccio.
Elisabetta
#156743

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 11
  • Ringraziamenti ricevuti 5

Marilena8104 ha risposto alla discussione Un ricordo delicato

I miei ricordi sn simili ai tuoi cm immagino il dolore....quel pomeriggio dell ultimo calcio lo ricordo bene pure io...uno forte doloroso che istintivamente mi ha fatto pensare a mia mdre quando stava morendo e si é rilassata xció ho smesso subito di pensarci era un pensiero troppo brutto da associare al mio cucciolo ma il mio istinto purtroppo aveva ragione...era il 7maggio scorso alle 15.30...avevamo appena finito di pranzare e sentirti dare un calcio x me era più che normale dare un calcio era più che normale...il mio bimbo infatti era molto tranquillo si sentiva dopo ogni pasto o la sera appena mi rilassavo a letto...la coca cola gli faceva venire il singhiozzo....in quel preciso istante ho sentito quello che poi ho capito essere l ultimo calcio...andai a riposare fino alle 17...continuai a preparare le tutine e tto ció che ci sarebbe servito alla sua nascita ormai ero di 32 sett+2...alle 18feci una doccia e decidemmo di uscire...verso le 19.30eravamo alle giostre cn i bambini...mi sentivo bn cn nn mi sentivo da tanto nemmeno la stanchezza o la nausea nnt quel giorno...verso le 20.30 abbiamo pensato ad un bel gelato...ci incsmminiamo e dopo circa 10min ho giusto il tempo di dire al mio compagno che nn mi sentivo bene...ricordo un bagliore e più nulla...dopo poco mi sn risvegliata cn tanta gente intorno...tutti pensavano ad un comune mancamento x il pancione...mi rialzo mi siedo al bar...penso di stare meglio...provo a rimettermi in piedi ma arriva un altro capogiro...piu lieve ma accompagnato fa mal di pancia e vomiti...chiamano l ambulanza che arriva dopo 35min...io stavo sempre peggio e nn riuscivo a sentire muoversi il mio bimbo...ero in travaglio lo avevo capito...era il 6 parto quindi pensavo di sapere tante cose...arrivata in ospedale mi visitano e sn dilatata già di 3cm...poi l ecografia...mi chiedono da quanto nn sentissi il bimbo e subito"nn c é più battito devi partorire"...nn realizzo subito tutto sembrava surreale...nn a me nn pure questo...andiamo in sala travaglio visita 4 cm alle 22.15 e mi lasciano li sulla barrella...mai avuto dolori cosi tanto forti mai..inizio a vomitare dal dolore e sn sola in quella stanza...alle 23.40 l ostetrica mi rivisita...7 cm ci vuole ancora tempo x me e se ne va a seguire un cesareo d urgenza...ora c é mia sorella ma é così spaventata che nn si muove dalla porta...i dolori aumentano sempre piu...mi accovaccio piegata in 2 sulla barrella e sento la testa scendere sempre piú...mi distendo..una spinta e il mio amore viene fuori tra una pozza di sangue e la placenta
..sn le 00.25...provo a scuoterlo...ha la manina in bocca....speravo in un miracolo e invece...alle 00.30 arriva l ostetrica che senza dirmi una parola lo prende lo posa in una culletta e mi dice di spostarmi sul lettino da parto...raschiamento senza anestesia...ma nn era quello a farmi male ma guardare il mio bambino in quella culletta senza vita...da questo punto ricordo poco...ho avuto un emoraggia..6 trasfusioni..una forte infezione nel sangue e problemi di coagulazione(cid credo mi abbiano detto)...ho rischiato di morire essendo pure del gruppo0-...e ancora oggi mi chiedo xkè io sia ancora qui e il mio bimbo no...tanto dentro mi sento morta..appena mi sn ripresa sn riuscita a vedere il mio tesoro...il mio 6 gioiello..Damon...bello perfetto 1800gr e 41cm di dolcezza...l ho amato ancora di più vedendolo...sn rimasta in ospedale fino a che nn mi hanno messo una ragazza che stava x partorire in camera cn il tracciato attaccato..quel suono mi ha fatto impazzire sn quasi scappata via dall ospedale...e sn ritornata qui a casa dove dopo quasi un mese ci sn ancora tutte le sue cose pronte..ho dovuto darti l ultimo bacio in quell obitorio nella tua piccola bara bianca...quando avrei voluto solo tenerti in braccio un ultima volta ma nn si poteva...ora vivo cn la tua foto sempre cn me...ti penso ogni istante e nn mi perdono di nn aver compreso che quello era stato il tuo ultimo calcio forse avrei potuto aiutarti...Damon mamma ti ama più della sua stessa vita
#156927

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.553 secondi