Coraggio!

Dopo un pomeriggio passato a correggere una tesi e ad analizzare i risultati di uno studio, arrivi all'analisi delle domande aperte. 

Passi in rassegna le testimonianze preziose dei genitori e i loro suggerimenti per migliorare l'assistenza.

Mentre scorri parola per parola, che ti sembra di essere lì, con quei genitori e i loro racconti pieni di anima e di intensità, l'occhio "precipita" su queste parole. 

 

Coraggio, ti è rimasta l'altra gemella

Coraggio, ti è rimasta l'altra gemella

Coraggio, ti è rimasta l'altra gemella

Coraggio, ti è rimasta l'altra gemella
Coraggio, ti è rimasta l'altra gemella

 

Sono le parole che le orecchie di un papà hanno dovuto sentire, in TIN.

Difficile togliersele dalle orecchie. 

Succede sempre così, con le "cattive parole": hanno echi pervasivi.

E quello che si può fare, dopo, è solo provare a rimpicciolirle, in modo che smettano di occupare troppo spazio.

Last modified onLunedì, 23 Luglio 2018 09:41
CiaoLapo Onlus

Claudia Ravaldi. Psicoterapeuta e medico, fondatore e presidente di CiaoLapo Onlus. Nasco nel 1974 d’estate. Pronuncio le mie prime parole a sette mesi (mamma e pane, ma non in quest’ordine…) e inizio a leggere e scrivere a 4 anni, per non smettere praticamente più. Dopo il Liceo Classico mi laureo in Medicina a Firenze, mi specializzo in Psichiatria e studio Psicoterapia a Milano. Ho lavorato per dieci anni nel campo dei disturbi del comportamento alimentare, come clinico e come ricercatore. Oggi mi occupo prevalentemente di relazione terapeutica, comunicazione e salute, alimentazione consapevole, mindfulness, EMDR, gravidanza e maternità, lutto e salute perinatale, collaborando da libera professionista con vari enti e dipartimenti universitari come ricercatrice e docente. Dopo la morte a fine gravidanza del mio secondo figlio ho fondato e presiedo l'Associazione CiaoLapo Onlus (www.ciaolapo.it) per la tutela della gravidanza a rischio ed il supporto psicologico ai genitori colpiti da lutto perinatale.

Website: www.psico-terapia.it
More in this category: « Le tue parole fanno male, lo sai?
Login to post comments