Oggi ricordiamo

#inviaggioconlevante
Piccole conquiste (di anniversari, compleanni e vite che si intrecciano).
Qualcuno oggi avrebbe 13 anni.
Chissà dire come avrebbe festeggiato il compleanno?
Chissà dire come avrebbe organizzato, la vecchia me di allora, se avrebbe permesso una festa a casa, una pizza con gli amici o imposto una barbosa festa coi parenti?
Nessuno lo sa.
Neanche io.
Che affondo le mie radici nella vecchia me, che tuttavia è così lontana dalla me di ora.
La vecchia me, è morta, con una lenta agonia, tra l’alba del 12 Marzo e la mattina del 13 di 13 anni fa. 
È iniziato così: quando ho sentito che qualcosa non andava. Ed e continuato così: quando ho capito che quel qualcosa voleva dire che non ci sarebbe stato niente di quanto atteso.
.
Nessun respiro. 
Nessuno sguardo. 
Nessuna manina che ti afferra il dito.
Niente di niente.
La vecchia me, resa folle dall’orrore e dalla disperazione, quando si è resa conto ha danzato.
Con te. L’ultima volta.
E cantato.
Per te. 
La vecchia me è sopravvissuta quel tanto che bastava per far nascere la nuova me, al momento della tua nascita. E poi è stato tutto un costruirmi e ricostruire dalle macerie. A tratti un percorso sorprendente, a tratti infame. Che la beata ignoranza della vecchia me ogni tanto mi manca. 
E ogni anno come mi hanno insegnato le altre madri più grandi di me, rinasco un po’ e conquisto un nuovo pezzettino di identità.
Questo libro per esempio  mi faceva paura.
È un libro bellissimo, che racconta l’attesa da parte del bambino, e della sua mamma.
È pieno di mistero, di amore, di natura. È pieno di immagini di parole evocative, di possibilità.
Mi son chiesta milioni di volte quale potrebbe essere la tua versione del viaggio che abbiamo fatto insieme. Di quella morte e di quel che è rimasto della me di prima. 
Oggi ho trovato questo libro in un museo.
L’ho sfogliato.
Ti ho trovato.
E non ho pianto.
#bravamamma #ciaolapo #dancetotheendoflove #bereavedmother #grievingprocess
 March 14, 2019
Nei prossimi giorni vi parlerò in modo dettagliato sul blog di ciaolapo.it di questo romanzo scritto da @francesca_pieri ed edito da @deaplanetalibri che parla di noi. Parla infatti di donne e di sorellanza; di maternità e di desideri, di paure, di scelte, di destini che si incrociano, si incontrano e si scontrano. 
Parla di amore, dell’ #amoredifficile che tocca vivere a certe donne, toccate da certi figli. 
I nostri figli, quelli che arrivano, vanno, vengono e ci lasciano trasformate, per sempre.
Parla di resistenza, questo romanzo autobiografico e tuttavia universale, perché autentico e onesto.
R-esistenze, quelle narrate da Francesca, che ci dicono: non sei sola. Non essere sola.
Oggi, è la giornata giusta per parlare con amore e cura di Bianca, di Anita, e di tutti i genitori colpiti da difetti congeniti.
#worldbirthdefectsday #worldbdday 
#letteraturaitaliana #luttoperinatale #ciaolapo #healing #babylossawareness
 March 4, 2019
Our book ‘In the light of a falling star’ by Claudia Ravaldi & Flavia Zuncheddu is #1NewRelease in @AmazonKindle #Grief and #Loss section. Thank you! A story for #parents and #children coping with #stillbirth or #perinatalloss. Free on #KindleUnlimited. All copyrights donated to @CiaoLapo  amazon.com/dp/B07NVVC9QN
 March 2, 2019

Nella sezione del forum "Un giorno speciale" puoi scrivere il giorno in cui è nato il tuo bambino, in modo che per tutti noi sia semplice poter ricordare e onorare la sua memoria. I nomi dei bambini saranno pubblicati sul sito e sui social network di CiaoLapo il giorno dell'anniversario.

Last modified onMartedì, 11 Dicembre 2018 19:26
CiaoLapo Onlus

Claudia Ravaldi. Psicoterapeuta e medico, fondatore e presidente di CiaoLapo Onlus. Nasco nel 1974 d’estate. Pronuncio le mie prime parole a sette mesi (mamma e pane, ma non in quest’ordine…) e inizio a leggere e scrivere a 4 anni, per non smettere praticamente più. Dopo il Liceo Classico mi laureo in Medicina a Firenze, mi specializzo in Psichiatria e studio Psicoterapia a Milano. Ho lavorato per dieci anni nel campo dei disturbi del comportamento alimentare, come clinico e come ricercatore. Oggi mi occupo prevalentemente di relazione terapeutica, comunicazione e salute, alimentazione consapevole, mindfulness, EMDR, gravidanza e maternità, lutto e salute perinatale, collaborando da libera professionista con vari enti e dipartimenti universitari come ricercatrice e docente. Dopo la morte a fine gravidanza del mio secondo figlio ho fondato e presiedo l'Associazione CiaoLapo Onlus (www.ciaolapo.it) per la tutela della gravidanza a rischio ed il supporto psicologico ai genitori colpiti da lutto perinatale.

Website: www.psico-terapia.it

Media

More in this category: « La sede di CiaoLapo a Prato
Login to post comments