Le tue parole fanno male, lo sai?

Si può essere violenti senza muovere un dito. A volte è sufficiente aprire la bocca, inarcare le sopracciglia o roteare gli occhi verso l'alto. Quando esprimiamo giudizi svalutanti sul nostro interlocutore, con la bocca o con la faccia, commettiamo, (spesso) senza esserne consapevoli, un abuso verbale e/o psicologico.

Read more...

Stelle di latte: allattare dopo un lutto perinatale

L'allattamento è un tema prioritario nella promozione della salute materno-infantile, su cui si dibatte molto, spesso con toni estremamente accesi e a volte confusivi e confondenti.

Dopo un lutto perinatale, tuttavia, l'importanza dell'allattamento viene notevolmente ed impropriamente ridimensionata: la gravidanza successiva ad un lutto, per definizione a "rischio", lascia infatti ben poco spazio alla fisiologia, anche quando di spazio ce ne sarebbe in abbondanza, perchè la precedente dolorosa perdita impegna spesso le risorse mentali ed emotive sia dei genitori che degli operatori coinvolti.

Read more...

L'amore non muore mai - affrontare le festività

Le feste di Natale, come tutte quelle occasioni durante l’anno che mettono al centro la famiglia, possono essere una grande sfida per i genitori che hanno perso un figlio in gravidanza o subito dopo la nascita.

Il senso di solitudine, il dolore e la tristezza possono tornare prepotenti e occupare i pensieri anche dopo tanto tempo.

Read more...

Morte prenatale e sepolture: cosa prevede la legge

L’associazione CiaoLapo Onlus ha sviluppato nel 2008 questo documento esemplificativo per gli ospedali ed i consultori con la speranza di fare chiarezza sulle leggi che regolano la sepoltura in caso di aborto e morte in utero e di poter favorire il passaggio corretto di informazioni tra le istituzioni preposte e gli aventi diritto (la donna, la coppia, i loro rappresentanti). Quello che leggete è l'aggiornamento alla situazione italiana ad Ottobre 2017.

Read more...

Il lutto perinatale e i padri: il corto Koi

E poi si rimane senza parole. Oppure, le parole che sappiamo, da sole, non sono sufficienti a descrivere l'enormità di quanto accaduto. A descrivere l'enormità di ciò che è accaduto, che accade, a molti, ci hanno provato una mamma e un papà. La mamma e il papà di Samuele.

Read more...

Parlare "con" i bambini (anche) della morte

Quando si parla con i bambini è necessario abbassarsi alla loro altezza. Noi adulti, forse per via delle ginocchia non più troppo elastiche, siamo un po' restii ad abbassarci all'altezza di qualcun altro. Ci viene meglio, ci viene spontaneo, parlare "dall'alto in basso". Coi bambini no. Con i bambini "dall'alto in basso" non funziona. Se poi, con questi bambini, vogliamo parlare di morte, ecco che per non fare brutte figure è necessario abbassarsi alla loro altezza.

Read more...

I figli si rifanno?

Dopo un lutto perinatale le coppie affrontano momenti di grande incertezza e smarrimento. La morte del bambino atteso si associa infatti ad un "provvisorio" smantellamento del senso di sé: il progetto genitoriale si interrompe, il proprio filo narrativo interno, che era lanciato verso la maternità/paternità, si spezza.

Si è ancora madri, anche senza bambino in braccio? Si è ancora padri? Lo si è mai stati, se non si è arrivati alla parte conclusiva del progetto, quella del "e vissero tutti felici e contenti?".

Read more...

Il dolore è universale?

Sebbene questa affermazione abbia un fondo di verità, ancora troppi sono gli equivoci ed i fraintendimenti intorno al "dolore" nel nostro paese. Un paese, vale la pena di ricordarlo, dove il dolore trova spazi sempre più risicati e sempre più ghettizzati. Il dolore non può sedersi in piazza. Il dolore, ospite inviso ai più, dovrebbe essere vissuto privatamente. O al limite, se uno proprio non ce la fa con un terapeuta. Il dolore, dunque, lungi dal dover essere oggetto di cure, dovrebbe piuttosto essere curato, come si fa con le malattie. Senza tuttavia esserlo. 

Read more...

I movimenti fetali

In occasione della settimana mondiale della consapevolezza sulla morte di un bambino in gravidanza o dopo la nascita vi invitiamo a guardare e diffondere questo interessante video educativo curato dai colleghi dell'associazione Tommy's, attiva nel campo della prevenzione, dell'educazione sanitaria e del sostegno ai genitori colpiti da morte perinatale.

Read more...

Attraverso la tempesta

Il nuovo progetto di psicoeducazione ideato da CiaoLapo per i genitori colpiti da lutto perinatale

A Lecco e a Prato un nuovo progetto firmato CiaoLapo per il sostegno psicologico al lutto perinatale

Dopo dieci anni di lavoro e approfondimento nel campo dell'automutuoaiuto  e della psicologia perinatale l'associazione propone un percorso di sostegno psicologico che si ispira alle tecniche cognitivo-comportamentali e alla psicoeducazione. 

Il progetto pilota, ideato da Micaela Darsena insieme a Claudia Ravaldi, Letizia Giorgini e Cecilia Ginanni partirà a Lecco e a Prato. 

Read more...

Le gravidanze successive ad un lutto perinatale - Studio PEARL

CiaoLapo Onlus promuove la prima ricerca esplorativa in Italia sulle gravidanze successive ad un lutto perinatale.
 
Lo fa dando voce direttamente alle madri e alle loro esperienze, di perdita e di gravidanza successiva.
 
Read more...

Il lutto perinatale nell'infertilità

Il lutto perinatale è sempre un argomento emotivamente complesso; quando riguarda una coppia che ha alle spalle una storia di infertilità e relativi trattamenti, il lutto perinatale può diventare molto difficile da affrontare ed elaborare: lutti diversi vengono infatti a confluire nella biografia della coppia, rendendo molto gravoso il percorso di elaborazione e favorendo l'insorgenza di lutto complicato.

Read more...

Il lutto perinatale e i bambini

Di chi è il lutto perinatale? Chi soffre di più? È un lutto privato e quindi incondivisibile? I bambini si accorgono del dolore dei genitori? I genitori dovrebbero tenere i bambini al di fuori del lutto e dell’evento che ha colpito la loro famiglia o includerli nel percorso di elaborazione? Il lutto è una “roba da adulti”? Se ho perso un bambino, cosa dico ai fratelli che lo aspettavano da tanto? Come posso evitare che soffrano? Come posso farmi forza in modo che loro non si accorgano che sono morta dentro?

Read more...

L'amore difficile


Autobiografia di un amore

Questa è una parte della mia storia.

Ciò da cui tutto è cominciato.

Scritta in un soffio, chiusa in un cassetto e poi riletta, a distanza, dopo i mille giorni di dolore del lutto perinatale.

Succede qualcosa, mese dopo mese, anno dopo anno, nel percorso di lutto perinatale. Succede qualcosa che è trasformazione, conquista, e non solo sofferenza e dolore.

Ma è dal dolore che si parte. 

Un dolore che affonda le sue radici nell'attesa e nella gioia. Un dolore ladro di spensieratezza e di normalità.

Da lì sono partita, anche io, nel 2006. 

 

Read more...

Non si preoccupi, firmi qui.

"Io piangevo, disperata, avevo paura e non ci volevo credere che la mia bambina stava nascendo morta, e lei mi ha detto, deve firmare qui, non si preoccupi, ci pensiamo a tutto noi".

Mi occupo di lutto perinatale da quando è morto mio figlio Lapo, nel 2006. Quasi 11 anni fa.

Un tempo ragionevolmente lungo per analizzare l'argomento, in tutte le sue declinazioni, evidenziare le eventuali carenze e provare a promuovere un ragionevole e civile cambiamento.

Pensavo erroneamente che un genitore in lutto, in Italia, dovesse occuparsi soltanto del suo lutto, degli aspetti psicologici, di quelli medici eventualmente correlati all'evento. 

Mi sbagliavo.

 

Read more...

Caro Babbo Natale, riportami mio fratello

Simone ha cinque anni, il visetto tondo e gli occhi nocciola.

Simone ama giocare con le macchinine, andare alla scuola materna dalla maestra Anna, disegnare dinosauri.

Simone adora andare al parco con mamma e papà. Vorrebbe tanto tornare. Ma non osa chiederlo. Non adesso. Non ora che le cose sono diventate così strane.

Read more...
Subscribe to this RSS feed