La notte negli occhi

Le Parole dell'Amore è un'iniziativa permanente di CiaoLapo Onlus, nata nel 2011. La notte negli occhi è il terzo volume del concorso, (il primo è Le canzoni sono Angeli edito da Ipertesto Edizioni nel 2012 ,il secondo è Eri già con noi edito da Ipertesto edizioni nel 2013.

Questo libro, che ha come sottotitolo Affrontare il lutto perinatale, è composto da 12 opere, selezionate tra più di 50 opere pervenute, che raccontano il lutto attraverso la poesia o la narrativa.

Nonostante gli autori siano diversi, il libro ha una trama narrativa che lega un'opera all'altra affrontando sotto varie angolazioni le esperienze, il dolore, e la sua elaborazione.

Ne è emersa una pubblicazione utile non solo a chi sta affrontando il lutto, ma anche a chi vuole conoscere attraverso le buone parole il vissuto dei genitori in lutto.

Read more...

La morte inattesa

La morte in-attesa è il risultato di anni di emozionante e fecondo lavoro svolto con i genitori in lutto e con il personale ostetrico.

Centinaia le testimonianze scritte nel forum di CiaoLapo, pervenute ai miei indirizzi mail, narrate nel corso di gruppi di auto aiuto o all’interno del mio studio professionale si intrecciano ai racconti di operatori, ostetriche e ginecologi, che hanno condiviso con noi saperi, esperienze e difficoltà, permettendoci di delineare un protocollo di assistenza rispondente alle esigenze di utenti ed operatori italiani.

Read more...

La tua culla è il mio cuore

La vita narrata in questo libro è quella di genitori in attesa di un figlio, chiamati a confrontarsi con il dolore e con l’assenza di quel figlio, vissuto un soffio e tuttavia indimenticabile, come indimenticabile è chiunque riceva il nostro amore.

Read more...

Interruzione terapeutica di gravidanza: intervista a Simona Sparaco

Dare voce al lutto.
Sintonizzarsi sul dolore della perdita, mettersi in ascolto, al di là di ogni barriera (linguistica, cognitiva, ideologica, religiosa, politica, sociale).
Condividere le esperienze, e trarne saperi, parole che curano e lenire le ferite. Rispettare, rispettar-si, ed attraversare la palude in cui le donne, le coppie, i genitori che perdono i figli sono costretti a nuotare. Per molti mesi, per anni, anche contro la loro volontà.

Read more...
Subscribe to this RSS feed