Quando ciò che succede a te è estraneo al resto del mondo

  • ElenaG
  • Avatar di ElenaG Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Posts 2
  • Ringraziamenti ricevuti 0

ElenaG ha creato la discussione Quando ciò che succede a te è estraneo al resto del mondo

Ero reticente a mettere nero su bianco la mia esperienza.
Grazie all'aiuto di un'ostetrica, che mi ha fatto conoscere questa onlus finalmente mi sono decisa ad esternare i miei sentimenti.
Proprio così, quando si è di fronte ad un aborto, precoce o avanzato che sia, la società si aspetta che la madre interiorizzi il lutto e non ne parli con nessuno.
Io ne sono la testimone, ho avuto una diagnosi di camera gestazionale vuota all'ottava settimana. Già fantasticavo sul sesso, sul nome e su come arredare la cameretta del mio "non" bambino.
La gravidanza procedeva bene, nessun disturbo in particolare, nessuna perdita, valori beta nella norma, l'addome iniziava già a gonfiarsi. Fino a quella mattina dell'8 aprile.
Era il giorno della visita del primo trimestre e avevo deciso, visto l'andamento della gravidanza, di recarmi da sola dalla ginecologa.
Ero elettrizzata, volevo vedere il cuoricino battere, sapere che tutto andava bene!
Invece la ginecologa mi ha guardato con la tristezza negli occhi e mi ha detto, signora qui la camera gestazionale è vuota.
In quel momento il mio mondo è crollato.
La settimana successiva ho fatto un'ulteriore ecografia che ha solo confermato la diagnosi. Anche questa volta ero sola. Il mio compagno non era con me a causa di impegni lavorativi ed i familiari idem.
Quel giorno mi sono recata in ospedale, ripeto, da sola per ricevere indicazioni su come interrompere questa non gravidanza...
Hanno optato per l'interruzione con farmaco, Cytotec.
Le sensazioni che ho provato in quella settimana sono state devastanti, senti che il tuo corpo ti inganna, non capisci come mai tutti gli esami vadano bene, ti senti punita per cause a te sconosciute ma sopratutto ti senti privata della cosa che desideravi di più in assoluto, un figlio, tuo figlio.
A ciò ora si stanno sommando la rabbia e la solitudine.
Esatto, perchè se da una parte ho accettato il fatto che non avrei potuto evitare questa tragedia dall'altra mi sono sentita abbandonata da coloro i quali avrebbero dovuto essere la mia àncora.
Tutti hanno gestito la questione liquidandola con le solite frasi fatte: " meglio ora che più avanti" , "dai ora ci riproverai e questa volta andrà meglio" ecc...
A casa non posso parlarne perchè mi sento dire che non è nulla, che sto amplificando la cosa solo perchè voglio soffirire, che me ne devo fare una ragione perchè la vita continua.
Mi sento incredibilmente sola in mezzo ad una società che sta dalla tua parte quando le cose vanno bene ma che ti volta le spalle al momento del bisogno.
So dentro di me che pian piano supererò tutto, grazie alla mia determinazione e forza di volontà.
Ma ho perso fiducia, fiducia nelle persone che dovrebbero esserci anche solo per ascoltarti, di abbracciarti mentre piangi per il figlio o figlia che hai immaginato ma non hai avuto.
Grazie a questo forum ho capito di non essere sola.
#160448

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 8
  • Ringraziamenti ricevuti 3

dt ha risposto alla discussione Quando ciò che succede a te è estraneo al resto del mondo

No...non sei sola....mi dispiace molto leggere della tua solitudine, perché è un aspetto che inevitabilmente fa parte del processo triste dell' aborto...il dolore di una mamma è un dolore di solitudine...ma se oltre a ciò ti è mancato anche il supporto dei tuoi cari è davvero ancora più triste.
Quello che ti auguro è di ritrovare un po' di serenità...e dirti che solo il tempo aiuta ....o almeno credo....a me è successo due settimane fa e ancora mi sento in un incubo ad occhi aperti.
Ti mando un abbraccio grande....l abbraccio di una mamma che come te soffre. Fatti forza
#160449

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • ElenaG
  • Avatar di ElenaG Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Posts 2
  • Ringraziamenti ricevuti 0

ElenaG ha risposto alla discussione Quando ciò che succede a te è estraneo al resto del mondo

Grazie, la tua risposta mi ha donato sollievo. Mi spiace per la tua perdita, so come ci si sente ma vedrai che piano piano arriveremo a vedere la luce in fondo al tunnel.
Un abbraccio
#160454

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 8
  • Ringraziamenti ricevuti 3

dt ha risposto alla discussione Quando ciò che succede a te è estraneo al resto del mondo

❤️
#160456

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 53
  • Ringraziamenti ricevuti 26

Elly87 ha risposto alla discussione Quando ciò che succede a te è estraneo al resto del mondo

Ciao, mi spiace per la tua perdita....purtroppo questo tipo di lutto (perchè alla fine lo è) non è capito....! anche io non ho auto praticamente nessun supporto dalla mia famiglia o da altre persone vicino...e quindi io e mio marito abbiamo optato per qualche seduta dalla psicologa....è difficile, è devastante! ma indietro non si torna, e me lo ripeto ogni giorno, a costo di sembrare dura....! sfogati più che puoi e poi.....rialzati! siamo donne, possiamo farcela a portarci dietro questo peso nel cuore.
io ti abbraccio fortissimo, vedrai, andrà leggermente meglio tra qualche mese. un bacio
#160467

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 9
  • Ringraziamenti ricevuti 3

annalisa.santoro ha risposto alla discussione Quando ciò che succede a te è estraneo al resto del mondo

Ciao tesoro...ti capisco benissimo...il tuo stato e le tue sensazioni...il tuo dolore...lo sto vivendo anche io...questa onlus ci permette di parlare e sostenerci...solo il tempo può darci sollievo...mai dimenticheremo.. mai...ti stringo forte
#160478

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.125 secondi